Toponomastica

Il recupero e l’utilizzo dei nomi ladini dei luoghi è una delle attività più interessanti dell’Istituto, in quanto permette alla cultura orale degli anziani di non andare perduta. La toponomastica permette di riallacciare il rapporto stretto fra l’uomo e il territorio alpino, contribuendo al mantenimento del senso di continuità con il passato che è uno dei princìpi cardine della cultura ladina. L’attività si realizza in due modi: tabellazione stradale e microtoponomastica.

Tabellazione stradaleTabellazione stradale

Grazie alle opportunità offerte dalla Legge n. 482/99 è stato possibile sostituire gradualmente la cartellonistica stradale riproponendo, a fianco dei nomi di località in italiano, anche quelli in ladino. 
La collaborazione con le tre amministrazioni comunali interessate (Cortina, Livinallongo e Colle) è stata in questo senso fondamentale e ha permesso di mettere in cantiere più lavoro di quanto inizialmente coperto dal solo Istituto.

Microtoponomastica
Microtoponomastica

Negli anni si é riusciti a raccogliere circa 4.000 nomi di località all’interno delle tre realtà comunali.
L’attività di raccolta bibliografica dei toponimi viene affiancata a quelle di documentazione fotografica e di trascrizione del sapere orale delle persone anziane. Il lavoro viene poi informatizzato con l’uso di strumenti GIS specifici.
 Per quanto riguarda Cortina è stato stampato, con l’aiuto e la collaborazione delle Regole d’Ampezzo, un atlante toponomastico, mentre per Colle e Livinallongo sono ancora in corso la ricerca e la raccolta.

Atlante Toponomastico di Ampezzo

Web Design & Dev. :Produced by Casanova Design